Realacci: “da UE conferma che Diaz e Bolzaneto indegni di un paese civile”

 

 

“La sentenza della Corte europea dei diritti umani conferma autorevolmente una verità nota da tempo ed emersa anche nei processi italiani: fu tortura.

Quanto accaduto alla Diaz e alla caserma di Bolzaneto in occasione del G8 del 2001 è indegno di un paese civile. La verità deve cauterizzare una ferita ancora aperta e bisogna lavorare perché fatti simili non si ripetano mai più”, così Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, commenta la condanna dell’Italia da parte della Corte di Strasburgo per i fatti del G8 di Genova.