Contatti

Contenuti del sito
Scrivi al webmaster

Segreteria
Scrivi alla segreteria

06 695321 (centralino)
320 4597710
dalle 9,30 alle 16,30

presso Sede PD
via Sant'Andrea delle Fratte 16
00187 Roma
 

FB Fans



Link a tema

Login

Appalti: Mariani ''straordinaria opportunità per semplificazione''


Il processo di riforma del codice degli appalti e' una grande opportunita' per realizzare un sistema condiviso di regole e superare logiche anacronistiche e una pesante burocrazia. Si e' voluto garantire un quadro di coerenza, di semplificazione e di trasparenza al sistema degli appalti, con una soft law, come avviene nei Paesi anglosassoni. La nostra scelta di semplificazione netta dell'apparato normativo va di pari passo con il rafforzamento del ruolo delle stazioni appaltanti alle quali sono state rafforzate le funzioni di programmazione, gestione e definizione delle gare verifica e controllo sostanziale dei contratti attraverso una rilettura della norma che vede, tra l'altro, anche il trasferimento dell'incentivo del 2 per cento per i dipendenti della PA dalla progettazione alla fase di programmazione e predisposizione delle gare ed a quella di controllo prevedendo un sistema di sanzioni per i controlli lacunosi e le inadempienze''. Lo dichiara la deputata democratica Raffaella Mariani, relatrice del provvedimento approvato dalla commissione e che sara' in Aula dal 12 ottobre. ''Abbiamo inserito numerosi riferimenti all'obbligo di pubblicita' e trasparenza dell'azione amministrativa chiedendone la intellegibilita' per i cittadini e le imprese. Prevediamo oggi che un'opera si svolga in tempi certi e che i cittadini possano verificare con semplicita' i resoconti finanziari delle opere. Il superamento del criterio di aggiudicazione al massimo ribasso a favore dell'offerta economicamente piu' vantaggiosa - continua la deputata democratica - ha permesso di inserire tra i criteri prioritari anche il costo del ciclo di vita dei materiali e degli impatti sull'ambiente e sulla salute umana''. ''Viene inoltre enfatizzato il ruolo protagonista della ripresa economica del paese inserendo a pieno titolo le micro, piccole e medie imprese sia nella fase di aggiudicazione che di esecuzione dei contratti con maggiori garanzie nelle opere ottenute in subappalto. Il nuovo sistema di appalti dei lavori pubblici non prevede piu' deroghe ne' varianti in corso d'opera. Abbiamo scelto poche regole valide per tutti, anche per la protezione civile la quale pur lavorando nell'emergenza sara' in grado di garantire massima trasparenza unita alla consueta efficienza del pronto intervento. L'esplicito riferimento al superamento della legge obiettivo indica una discontinuita' che governo e maggioranza hanno voluto sottolineare per individuare le opere effettivamente utili al Paese e realizzarle con certezza.
(ITALPRESS).