Contatti

Contenuti del sito
Scrivi al webmaster

Segreteria
Scrivi alla segreteria

06 695321 (centralino)
320 4597710
dalle 9,30 alle 16,30

presso Sede PD
via Sant'Andrea delle Fratte 16
00187 Roma
 

FB Fans



Link a tema

Login

Smog: Realacci, contro inquinamento cambiare politiche


"Puntare su mobilita' sostenibile, efficienza energetica e green economy"
"Per contrastare con efficacia l'inquinamento che attanaglia molte delle nostre città e la Pianura Padana in particolare servono misure di medio e lungo termine. Le misure tampone che si adottano sotto emergenza aiutano ma non risolvono il problema". Così Ermete REALACCI, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, oggi alla trasmissione Coffee Break su La7. "Combattere l'inquinamento - ha sottolineato REALACCI - richiede un cambiamento di politiche che può essere utile anche per l'economia, per sostenere un modello di sviluppo più sostenibile, innovativo e a basso tenore di carbonio. La siccità e l'inquinamento urbano sono due facce della stessa medaglia e ci devono spingere a prendere sul serio le indicazioni venute dalle Conferenza sul Clima di Parigi. Le misure che servono per salvaguardare i nostri polmoni in città, dove smog e polveri sottili sono dovuti soprattutto a traffico e riscaldamento, sono in gran parte le stesse che servono per ridurre le emissioni di gas a effetto serra". "Sul fronte dei trasporti - ha ricordato il presidente della Commissione Ambiente - con il ministro Delrio, si sta dando priorità alla cura del ferro, al trasporto pubblico, alla mobilità sostenibile. L'inquinamento legato alla produzione di calore è responsabile di circa il 40% delle emissioni di polveri sottili, oltreché di molti altri inquinanti e di CO2, un contributo alla riduzione di queste emissioni può venire dal nuovo Conto termico, sboccato grazie anche alle pressioni delle mie tre interrogazioni sul tema, che ha una dotazione di 900 milioni di euro, 200 per istituzioni pubbliche e 700 per i privati". "Una misura che si aggiunge all'ecobonus, che ha già dimostrato la sua efficacia anche nel rilancio di un settore importante come l'edilizia nel segno della qualità. Sulle emissioni delle auto - ha concluso - l'Europa ha fatto un passo falso: è vero che i test sulle emissioni fatti in laboratorio erano un imbroglio, ma ha alzato troppo i limiti, senza attivare un sistema unico di controlli capace di dare certezze a tutti i cittadini".
(AdnKronos)