Contatti

Contenuti del sito
Scrivi al webmaster

Segreteria
Scrivi alla segreteria

06 695321 (centralino)
320 4597710
dalle 9,30 alle 16,30

presso Sede PD
via Sant'Andrea delle Fratte 16
00187 Roma
 

FB Fans



Link a tema

Login

Nucleare. Vaccari (PD): accelerare procedure deposito nazionale

"Oggi nell'Aula del Senato c'e' stato il passaggio importante dell'approvazione di quattro risoluzioni su altrettante relazioni della Commissione di inchiesta sul ciclo dei rifiuti: sulla gestione dei rifiuti radioattivi, sulla situazione in Liguria, sulla bonifica di Porto Marghera e infine sulla bonifica dei poli chimici del 'Quadrilatero del Nord'. Dopo mesi di analisi e di approfondimento specifico, con il contributo fondamentale del Presidente Alessandro Bratti e dei commissari, siamo arrivati ad affidare praticamente all'unanimita' al governo impegni significativi, in particolare per quanto riguarda i rifiuti radioattivi, una novita' anche rispetto alla Camera". Lo dice il senatore Stefano Vaccari, capogruppo del Pd nella Commissione Ambiente. "Dopo il passaggio alla Camera- sottolinea Vaccari- quello al Senato ha segnato la novita' significativa con la relazione sui rifiuti radioattivi. In particolare, l'Aula del Senato ha espresso preoccupazione in relazione al prolungarsi dei tempi di attesa della proposta di Carta delle aree per la localizzazione del deposito nazionale, che di fatto rallenta l'individuazione di un sito, da effettuare nella massima trasparenza e con il coinvolgimento delle amministrazioni e delle popolazioni, secondo una procedura partecipata gia' stabilita. Il governo ha raccolto le nostre preoccupazioni e ha assicurato che la Carta sara' pubblicata nei prossimi mesi. La Sogin, la societa' di Stato incaricata del decommissioning e della gestione delle scorie nucleari, deve migliorare la propria capacita' complessiva di gestione del processo. La fase transitoria di passaggio delle competenze di controllo da Ispra all'Isin, il nuovo Ispettorato per la sicurezza nucleare e la radioprotezione, sta durando troppo a lungo e mantenendo nell'incertezza una situazione che avrebbe invece bisogno di autorevolezza, indipendenza,  credibilita'. Solo cosi si potra' legittimare un percorso decisivo, gia' praticato in Spagna e Francia, per la conclusione delle fasi di decommissioning e la messa in sicurezza dei vari siti nel territorio italiano, senza incorrere in una procedura di infrazione".
(DIRE)