Contatti

Contenuti del sito
Scrivi al webmaster

Segreteria
Scrivi alla segreteria

06 695321 (centralino)
320 4597710
dalle 9,30 alle 16,30

presso Sede PD
via Sant'Andrea delle Fratte 16
00187 Roma
 

FB Fans



Link a tema

Login

Infrastrutture. Braga (PD): anche su grandi opere Italia cambia verso



Il decimo 'Rapporto Infrastrutture' elaborato dal Servizio Studi della Camera in collaborazione con Cresme, Istat, Cassa Depositi e Prestiti e Anac, dimostra come, con il nuovo Codice Appalti voluto dal Governo Renzi che rottama la Legge Obiettivo dell'era Berlusconi, l'Italia si stia allineando finalmente alle migliori politiche infrastrutturali dei partner comunitari.
Dal Rapporto si rileva un impulso significativo alle opere pubbliche nel biennio 2014/2015, con un aumento importante dei bandi di gara pubblicati, una crescita degli investimenti su infrastrutture ferroviarie e metropolitane, uno sforzo importante verso la rigenerazione e la manutenzione delle infrastrutture". Lo afferma Chiara Braga, deputata e responsabile Ambiente del Partito Democratico, presente al seminario istituzionale sulle Infrastrutture Strategiche tenutosi Sala del Mappamondo di Montecitorio. "Come si evince anche dall'intervento di Graziano Delrio- continua Braga- l'idea di fondo e', dopo il fallimento nel passato di politiche poco lungimiranti e piani infrastrutturali sovrastimati, che si debba rafforzare la programmazione e la progettazione delle opere pubbliche, cosi' come una gestione amministrativa piu' efficiente, il rafforzamento delle stazioni appaltanti pubbliche, la mobilitazione di risorse pubbliche, a partire da quelle europee, e che per quelle private si assista ad un chiaro quadro di responsabilita'". (SEGUE) (Com/Ran/Dire) 12:18 24-05-16 NNNN(DIRE) Roma, 24 mag. - "Utile l'accento- aggiunge Chiara Braga, deputata e responsabile Ambiente del Partito Democratico- posto poi dal presidente dell'Anac Raffaele Cantone sulla riduzione del ricorso allo strumento del project financing: mezzo di investimento privato che poi alla fine privato non e'". La sfida e' quindi "dotare il Paese delle infrastrutture piu' utili, in tempi rapidi e certi- conclude Braga- salvaguardando cosi' il territorio e al tempo stesso le tasche dei cittadini, grazie al controllo dei costi e alla trasparenza garantita dalle nuove norme. Un Paese con piu' investimenti e piu' qualita' nella realizzazione delle opere pubbliche e' una grande occasione per l'Italia in termini di lavoro, competitivita' e sviluppo dei  territori perche' sa cogliere le sfide di uno scenario di profonda trasformazione e innovazione.
(Dire)