Contatti

Contenuti del sito
Scrivi al webmaster

Segreteria
Scrivi alla segreteria

06 695321 (centralino)
320 4597710
dalle 9,30 alle 16,30

presso Sede PD
via Sant'Andrea delle Fratte 16
00187 Roma
 

FB Fans



Link a tema

Login

Ambiente, Realacci: il futuro passa da legalità e green economy


Ambiente, Realacci: il futuro passa da legalità e green economy Il commento sull'iter dei provvedimenti di cui è primo firmatario "Rafforzare il sistema dei controlli ambientali per un'Italia più trasparente, pulita ed efficiente. Questo lo scopo della riforma delle Agenzie ambientali il cui testo è stato varato oggi senza modifiche dalla Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera. Ora è finalmente pronto per l'ultimo passaggio e sarà in Aula da lunedì 13 giugno per l'approvazione definitiva. Un risultato importante, frutto di un accordo generale fra i gruppi grazie al quale non sono stati accolti emendamenti, al fine di andare ad una rapida approvazione in assemblea. La legge era stata licenziata all'unanimità dalla Camera oltre due anni fa e lo scorso mese ha avuto il via libera del Senato". Lo afferma in una nota Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera. "Il testo nasce da una mia proposta di legge - prosegue Realacci -, unificata con quelle analoghe dei colleghi Bratti e De Rosa e mira a rafforzare, rendere trasparenti e uniformi su tutto il territorio nazionale i controlli ambientali per tutelare cittadini e ambiente, dare certezza a italiani e imprese, favorire un'economia pulita. Insieme alla legge sugli ecoreati e al Collegato Ambientale, questa riforma, di cui è relatore il collega Zaratti, rafforza le politiche ambientali del Paese". Via libera anche per la valorizzazione dei Piccoli Comuni, un altro provvedimento cui Realacci è primo firmatario: "Le Commissioni riunite Ambiente e Bilancio di Montecitorio - spiega - hanno approvato il testo unificato per il sostegno e lo sviluppo dei nostri centri minori, che può dunque passare all'esame dell'Aula. Sarà la conferenza dei capigruppo a stabilire la sua calendarizzazione che potrebbe essere già a luglio. Nato a partire da una mia proposta di legge e da quella analoga della collega Terzoni, questo testo di cui sono relatori i colleghi Borghi, Iannuzzi e Misiani, è un'opportunità per tutto il Paese per proporre un'idea di sviluppo che punta sui territori e che coniuga la cultura e i saperi tradizionali con l'innovazione, la diffusione delle tecnologie della comunicazione e la green economy. Per un'Italia che fa l'Italia e guarda al futuro". 
(askanews)