Contatti

Contenuti del sito
Scrivi al webmaster

Segreteria
Scrivi alla segreteria

06 695321 (centralino)
320 4597710
dalle 9,30 alle 16,30

presso Sede PD
via Sant'Andrea delle Fratte 16
00187 Roma
 

FB Fans



Link a tema

Login

Ambiente. Ecomafia, Realacci: legge Ecoreati strumento efficace

40 anni fa Icmesa Seveso: era 'disastro innominato', oggi ambientale'

"Il rapporto Ecomafia di Legambiente e la stessa parola 'ecomafia' sono stati fondamentali nella lotta per la legalita' in Italia. Anche in nome di quella battaglia sono il primo firmatario della legge che ha introdotto finalmente i reati ambientali nel nostro codice penale. Facendo il punto su tutte le illegalita' ambientali, il rapporto Ecomafia fornisce un contributo importante al Paese e oggi ha una rilevanza ancor maggior. A poco piu' di un anno dalla sua storica approvazione, la legge sugli ecoreati inizia a dare i primi frutti: e' stata attivata oltre mille volte, dimostrandosi uno strumento efficace contro l'ecomafia, a tutela di legalita', ambiente, salute e buona economia. E anche se la strada per mettere fuori gioco gli eco-criminali e' ancora lunga, i dati del rapporto Ecomafia 2016 confermano che le legge 68/2015 e' un passo avanti importante per l'Italia. Sia gli illeciti che i guadagni della criminalita' ambientale iniziano infatti ad arretrare e contemporaneamente crescono gli arresti, che sono stati 188 (+17,7% rispetto al 2014)". Ermete Realacci, presidente della commissione Ambiente della Camera e primo firmatario della legge sugli ecoreati, insieme a Micillo e Pellegrino, lo dice intervenendo alla presentazione del rapporto 'Ecomafia 2016' di Legambiente, oggi al Senato. "Il 10 luglio del 1976 ricorre poi il quarantennale della tragedia dell'Icmesa che causo' la fuoriuscita e la dispersione di una nube di diossina Tcdd- ricorda Realacci- all'epoca, per la giustizia italiana, fu un 'disastro innominato'; oggi , con la legge sugli ecoreati, sarebbe un 'disastro ambientale', con ben altre conseguenze penali per i colpevoli". Se fino allo scorso anno abbiamo affrontato disastri come quello dell'Icmesa, dell'Eternit o di Bussi "con armi spuntate, come appunto il 'disastro innominato' o il 'getto pericolo di oggetti' come veniva classificato l'inquinamento ambientale- conclude il presidente della commissione Ambiente della Camera- oggi con gli ecoreati e con la riforma delle agenzie ambientali, due leggi di cui sono primo firmatario, abbiamo finalmente strumenti adeguati per cambiare rotta nella lotta all'ecomafia e alle illegalita'. Un traguardo storico per cui dobbiamo ringraziare anche Legambiente e tutte le associazioni che, fuori dal Parlamento, hanno sostenuto il lungo percorso di questi provvedimenti".

(Dire)