TERREMOTO: REALACCI, RAFFORZARE PREVENZIONE CON UN 'SISMA BONUS'



Bisogna trovare risorse stabili per interventi
''La legge di stabilità è un passaggio chiave per il progetto Casa Italia, lì bisogna trovare strumenti e risorse, non solo per realizzare una ricostruzione efficace e trasparente, ma anche per avviare una politica seria, ambiziosa e di lungo periodo per la qualità, il risparmio energetico e la prevenzione antisismica". Lo ha sottolineato il presidente della commissione Ambiente della Camera, Ermete REALACCI, introducendo l'audizione del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, che si è tenuta alla sala del Mappamondo, davanti alle commissioni Ambiente e Territorio di Camera e Senato. "Abbiamo una Protezione Civile e un sistema di volontariato di grande efficienza - aggiunge - ma il punto su cui l'Italia è indietro è la prevenzione. L'unica misura attualmente esistente che aiuta gli interventi antisismici per i privati è stata l'estensione dell'ecobonus alle zone 1 e 2, ma è insufficiente e non riguarda gli edifici nel loro insieme". "Siamo nelle condizioni di avviare una politica che favorisca interventi su edifici privati e strutture pubbliche. Sarà necessario mettere in campo vari strumenti sia tecnici, che fiscali ed economici, tra cui l'estensione e il rafforzamento dell'ecobonus anche in funzione antisismica per le case e gli interi edifici, compresi quelli delle imprese. Una detrazione fiscale che divenga un 'sisma bonus'. Inoltre non sono più accettabili colpevoli ostruzionismi alla adozione del fascicolo di fabbricato", conclude REALACCI
(AdnKronos) -