Contatti

Contenuti del sito
Scrivi al webmaster

Segreteria
Scrivi alla segreteria

06 695321 (centralino)
320 4597710
dalle 9,30 alle 16,30

presso Sede PD
via Sant'Andrea delle Fratte 16
00187 Roma
 

FB Fans



Link a tema

Login

Rifiuti:Rroma; Puppato (PD), da Vignaroli fake news e sua presenza inopportuna

"Al collega Vignaroli (M5s), che oggi polemizza perché come Pd abbiamo deciso di non desecretare la deposizione di Fortini, resa alla Commissione Ecomafie quando era direttore generale di Ama, dico che sta diffondendo una fake news, modificando la realtà e sapendo di farlo.

E' infatti sbalorditivo che il vicepresidente di una commissione d'inchiesta non abbia mai ritenuto di evitare di partecipare alle sedute della Commissione di inchiesta sul ciclo dei rifiuti quando si è parlato dei casi avvenuti a Roma, visto che per una parte di questi, esiste un suo coinvolgimento, con un evidente e intollerabile conflitto di interessi che gli abbiamo più volte chiesto di risolvere o almeno di evitarci l'imbarazzo conseguente". Lo dice la senatrice Laura Puppato, capogruppo del Pd nella Commissione di inchiesta sul ciclo dei rifiuti.
"Come Pd - spiega ancora Puppato - abbiamo semplicemente seguito le normali procedure previste dai lavori di tutte le Commissioni parlamentari di inchiesta, che prevedono audizioni in forma sia pubblica che secretata. L'audizione di Fortini era stata solo in piccola parte secretata nell'agosto del 2016, era nella sua disponibilità e l'ha ottenuto. La richiesta della procura non attiene alla necessità di desecretare ma è invece una richiesta volta a comprendere se sia o meno disponibile quella parte di verbale non pubblica. A fronte del "no" dell'audito Fortini avremo costituito un fastidioso precedente nell'assumerci la responsabilità di pubblicare ugualmente. E' chiaro a tutti e a maggior ragione per un vicepresidente di commissione, che questo atto avrebbe messo pro futuro in difficoltà, la stessa Commissione, rendendo sospettosi o addirittura indisponibili gli auditi che chiameremo a testimoniare. La notizia dunque non c'è, è priva di fondamento mentre persiste un'atteggiamento inaccettabile da parte di una figura di rilievo della commissione nella figura di Vignaroli, che evidentemente continua a non rendersi conto del suo ruolo e del conflitto in corso".