Home / Comunicati / Il successo dei Verdi nelle elezioni in Germania


Il successo dei Verdi nelle elezioni in Germania

Pubblicato da il 31 marzo 2011

Tag: , , ,

“Il successo dei Verdi nelle elezioni in Germania – ha sottolineato Fabrizio Vigni nel suo intervento alla Direzione nazionale del Pd – merita una riflessione attenta. Effetto ‘emotivo’ del disastro nucleare in Giappone? Non credo: già mesi fa, ben prima di Fukushima, i sondaggi davano i verdi in fortissima crescita. Un fenomeno solo tedesco? Non direi: basta ricordare cosa è successo anche in Francia, e l’affermazione di forze ecologiste in diversi paesi del nord Europa. Siamo di fronte ad un fenomeno nuovo che attraversa molti paesi europei, che sintetizzerei così: una crescente domanda di rappresentanza politica di valori e interessi legati all’ambiente e alla green economy, che premia formazioni ecologiste come i verdi tedeschi (che per pragmatismo e cultura di governo hanno un profilo originale) o comunque quelle forze politiche che più mettono l’ambiente al centro dei propri programmi. Attenzione: non solo valori, ma interessi: non è un caso che ciò avvenga in Germania, cioè nel paese che più ha sviluppato imprese, tecnologie, occupazione scommettendo sulla green economy. E’ vero che ogni paese fa storia a sé, ma sarebbe un errore ignorare che anche in Italia cresce la domanda di innovazione e di rappresentanza politica attorno ai temi ambientali. Basta vedere la grande mobilitazione che si è sviluppata in ogni parte d’Italia, che coinvolge migliaia di imprese, contro lo scellerato decreto del governo ‘ammazza - rinnovabili’. Sarà in grado di raccoglierla il Partito Democratico, questa domanda di cambiamento e di rappresentanza? Questa è la nostra scommessa: fare del Pd un grande, moderno partito ambientalista. C’è ancora molta strada da fare. Ma non ci sono alternative: le ragioni dell’ambiente hanno bisogno di essere rappresentate in un grande partito riformista, non in piccole nicchie minoritarie; al tempo stesso non è neppure immaginabile di potersi dire riformisti, nel 21° secolo, se non si mettono nel cuore del proprio progetto i temi dell’ ambiente, dell’economia verde, della green society”.